Assistenza domiciliare Integrata

Dal novembre 2008 la Fondazione Ospedale dei Poveri di Pandino ha avviato la erogazione del servizio di Assistenza domiciliare Integrata (ADI) nel Comune di Pandino e dintorni avvalendosi di personale qualificato.

La gestione dell’ ADI rappresenta per la Fondazione la possibilità di erogare direttamente un servizio e diventare in tal modo soggetto attivo del territorio nel campo dei servizi sociali alla persona.

Si tratta di una scelta conseguente a quella costituente della Fondazione, che in qualità di Onlus non ha fini di lucro ed opera, per le funzioni attribuitegli dallo Statuto, nell’interesse dei singoli utenti e delle famiglie interessate. In conclusione scopo specifico della Fondazione è dare un significativo contributo alle prestazioni assistenziali riservate agli anziani e rappresentare per il territorio in cui è inserita un punto di riferimento forte nella gestione territoriale dei servizi di assistenza alla persona. >>> info

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) TRAMITE CREDIT E VOUCHER

Descrizione
Provvidenza economica destinata all’acquisto di un servizio per assistenza sanitaria e socio-sanitaria integrata pianificata nel breve/medio periodo.

Per chi
Il servizio è¨ rivolto a cittadini non autosufficienti e/o non deambulanti, con necessità  di assistenza sanitaria e in condizioni cliniche che ne pregiudicano la trasportabilità  (anziani, disabili, malati terminali, malati di AIDS, etc.).

Prestazioni e modalità
Le prestazioni sanitarie o socio-sanitarie integrate, a seconda della caratteristica di assistenza erogata, sono fornite da:

  • OSS (operatore socio-sanitario);
  • infermiere;
  • terapista della riabilitazione.

 

L’ASL garantisce il servizio tramite personale fornito da Enti Erogatori accreditati definiti “Pattanti”

Documenti necessari
L’unico documento indispensabile è la richiesta del Medico di Medicina Generale fatta sul modulo appositamente predisposto dall’ASL.

Costi
Il servizio è gratuito per il cittadino in quanto è l’ASL che assume l’impegno di spesa ad esso correlato.

Percorso di accesso
Occorre che il cittadino presenti la richiesta fatta dal Medico di Medicina Generale al “Pattante” prescelto dall’elenco fornitogli dal proprio medico.

Il Pattante provvederà  successivamente a erogare le prestazioni richieste e ad inviare all’ASL il flusso informativo.

Dove rivolgersi
Al proprio Medico di Medicina Generale, o per informazioni presso la Casa di Riposo di Pandino

Ruolo dell’ASL
Per aiutare il cittadino ed a garanzia della qualità  del servizio provvede a:

  • verificare con visite a domicilio la corretta attuazione del PAI;
  • informare il cittadino e promuovere la compilazione, da parte del paziente, del questionario che ne rileva il grado di soddisfazione circa il servizio ricevuto;
  • controllare il raggiungimento degli obiettivi di cura.